IMG_8005

24×4 fa più di 96

La forma del ritorno è binaria, dico che torno a casa sia alla partenza che all’arrivo tre giorni dopo. In questo movimento io sono la marea tra la spiaggia e il centro del mare, che marea è mare spiaggiato e io cuore italiano scozzesizzato. Tornare sarebbe solo arrivare senza nessuno ad aspettare, invece io torno sempre, ho la fortuna di amici resistenti e di una mamma che … Continue reading 24×4 fa più di 96

IMG_4706

La lingua che penso

Di solito non ci penso, e’ come respirare e leggere, parte di tutti quei fantastici fenomeni che ci compongono e che ormai succedono senza nota e senza sforzo. Poi un giorno esco dal mio flusso e per un attimo ci faccio caso, vedo lo scorrere delle lingue nella mia testa come treni che si incrociano e mentre sto leggendo in inglese Grazia Magazine noto i pensieri che escono in italiano. E’ tutto … Continue reading La lingua che penso

IMG_6024

Cose che ho imparato a Febbraio

Febbraio finisce con grandi lezioni da piccoli maestri di meraviglia e cose altre che scopro da me e mi fa bene ricordare. Forse e’ una cosa da fare ogni giorno, quella di annotarsi la bellezza, che senza liste di cosa ho imparato a trentatre anni ci si dimentica al risveglio. Voglio segnare prima di tutto i miei antidoti ai giorni no, quando non c’e un pezzo … Continue reading Cose che ho imparato a Febbraio

IMG_6957

Cose che ho imparato a gennaio

Se penso a quando ero piccola mi rivedo come una minuscola adulta occhialuta, posso ritornare con esattezza a quando ho iniziato a pensare a voce chiusa e pensavo di contenere un angelo custode, mia nonna me ne parlava sempre e pensavo ci fosse lui nel mio cervello. Mi ricordo anche che ogni sera prima di andare a dormire aprivo la preghiera con un segno della croce … Continue reading Cose che ho imparato a gennaio

dinosauro-gonfiabile-t-rex-h-92cm-l-80cm-1126_1126_1

Far mangiare la rabbia a Enzone

Kiki mi raccontava che un giorno Franci, quattro anni, é arrivato da lei e mimando un aggrovigliamento in mezzo alla pancia le ha detto – mamma, mi sento una cosa qui dentro, mi sento, mi sento pieno di rabbia ecco. Un rabbia che non e’ un arrabbiatura con mimma o papo, piu’ una questione di sentimenti attorcigliati che uno raccoglie nella giornata e si arenano … Continue reading Far mangiare la rabbia a Enzone

IMG_6231

Me lo ha detto il DNA

Secondo voi perché anche quando possiamo essere noi stessi nell’abbraccio di un divano e dimenticare che il mondo esiste fuori dal tepore di un salotto autunnale decidiamo di andare a fare una passeggiata in montagna? Questa domanda me la sono fatta spesso, aveva solo altre forme. Mi chiedevo che com’è che non si ci ferma, non ci si accontenta e ogni tanto si rincorrono rischi per amore, paura, ambizione. … Continue reading Me lo ha detto il DNA

Non ho trovato il San Bernardo, ma l'impressione era cosi'. From http://74211.com/wallpaper/picture_big/Dog-Pictures-German-Shepherd-Running-In-Snow-Eyes-Focusing-on-the-Distant.jpg

Una sera in piscina

Ieri sono andata a nuotare. Il mondo puo’ infastidirti con facilita’ quando vai in piscina, perche’ e’ umido e bagnaticcio e a volte e’ come prendere il bus nell’ora di punta con sconosciuti seminudi, solo che l’ora di punta e’ imprevedibile, a volte la piscina e’ murata di gente (gergo di Antonellina) e a volte invece un luogo di quiete deserta. I casi umani sono … Continue reading Una sera in piscina

Il profilo di chi sa benissimo la teoria

Grandi Pietre

Da un po’ di  tempo faccio un corso di vendite a Londra, una volta al mese prendo un aereo la mattina prestissimo e torno a Glasgow la sera tardi, il prossimo mese sará l’ultimo di sette incontri. Il corso e’ inizialmente incentrato sul cambiamento dell’attitudine interiore per generare un cambiamento positivo dell’immagine e interazione esteriori, fondamentali negli scambi coi clienti. Talvolta le idee sono un po’ semplicistiche, talvolta … Continue reading Grandi Pietre

IMG_5656

Sai quando muori

Stasera al telefono parlavo con Miki e le raccontavo del bel weekend a Saint Andrews, sulla costa est della Scozia. Le dicevo della bellezza incredibile del posto e della spiaggia lunghissima che si fonde con il cielo e con il mare, – Era bellissimo Miki, sai quando muori no, che é tutto immenso che é come vedere l’infinito. – Ma no, veramente non lo so … Continue reading Sai quando muori