24×4 fa più di 96

La forma del ritorno è binaria, dico che torno a casa sia alla partenza che all’arrivo tre giorni dopo. In questo movimento io sono la marea tra la spiaggia e il centro del mare, che marea è mare spiaggiato e io cuore italiano scozzesizzato.

Tornare sarebbe solo arrivare senza nessuno ad aspettare, invece io torno sempre, ho la fortuna di amici resistenti e di una mamma che chiede ancora cosa vuoi che ti prepari. La risposta è sempre il carpione, per lo stupore della mia amica Vale che da Milano non lo ha mai sentito nominare mentre io pensavo fosse universale.

IMG-20160408-WA0009

Questo ritorno lo faccio a tappe: una sera a Milano da Vale che mi compra il San Daniele e la Burrata facendomi felice e per sempre amica, un treno lampo per Bologna, tre ore a Forli’ che ricorderò per la pasta alle vongole e il semifreddo al lamponi più buoni del mondo, la strada familiare verso Asti casa e un aereo che riparte da Torino. Quattro giorni contengono più ore, più cibo, più incontri, 24×4 adesso che sono brava a fare i calcoli non fa solo più 96.

IMG_7978

24×4 adesso che faccio le proporzioni, chiedendo a google come sempre, fa cento per cento di me diviso in due pezzi costanti, cinquanta per cento con te ancora sul nostro divano e poi un cinquanta quaggiù, a mangiare, parlare, ascoltare.

Ogni giorno facciamo notte, dormo poi quando muoio come dice Tommy, adesso devo andare a salutare Francy che scuote la palla di neve che gli ho portato, c’è dentro il mostro di Loch Ness,

Che bello c’è un draghetto

Dice lui con la sua erre scivolosa, siamo fuori e io lo rapisco per un momento, che con un abbraccio quando è forte ti porti via un pezzo, e un pezzo lo lasci lì.

IMG_8005

In novantasei alla seconda ore c’è tempo per un sacco di cose: il momento pensione con Marinella e Lorenza a sorseggiare camomilla sul divano, anche se Lorenza voleva bere la birra e lo scriviamo per non rovinarle la reputazione, l’aperitivo del sabato pomeriggio dopo il parco giochi, quando Nicole cerca di bere il mio prosecco e io la lascio fare, sono l’amica di mamma dall’estero, ho la flessibilità sventata di chi non mette le calze col vento, siamo ad Aprile e oggi è la mia primavera. La cena con le vecchie amiche, il ridere sempre un casino e il prendersi in giro, il riuscire a vedere tutti o quasi, in uno sforzo collettivo che mi fa sempre stupore e amore. Le chiacchiere di fine serata in piazza con Kiki, l’altalena del tornare indietro e poi guardare avanti, quelle conversazioni che amo da sempre coi nostri ricordi e le domande del poi. Fiorio a ogni costo prima di partire trascinando la valigia sui ciottoli, il pensiero del gelato che scioglie la fatica.

I messaggi per te, così ci sei anche tu qui con me.

E poi tutte queste foto per ricordarmi di ogni minuto, lungo come l’universo, pieno di tutto.

IMG_7953IMG_7956IMG_7961IMG-20160407-WA0020.jpg

IMG_7983IMG_7980IMG_7990IMG_7989IMG_8023IMG_8026IMG_8037.JPG

IMG_8040IMG_8058IMG_8061.JPGIMG-20160409-WA001220160409_210843IMG_8065IMG_8068IMG_8067

 

Advertisements

13 comments

  1. “Vivere ogni minuto”: ecco cosa leggo io nelle tue parole. E, nel frattempo, mi scende giù una lacrimuccia.
    Per quanto si possa stare bene lontane, casa mancherà sempre e la lontananza renderà ogni nostro rientro sempre più speciale.

  2. Ecco!! Aurora! Me lo sono sempre chiesto quale fosse il tuo nome… Impronunciabile x la mia r arrotata..☺️
    La Merion che legge da un sacco di tempo e non ha mai commentato..

Say what you mean.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s