Venezia

Venezia e’ una cosa bella che mi e’ successa questo Settembre. Tornata per lavoro dal lato opposto dell’Italia una sera sono andata a visitarla, finalmente sola dopo un giorno di riunioni e strette di mano. E’ strano che Venezia io dicessi non mi piace, ora mi chiedo che cosa avevo in testa per non trovarne la bellezza in ogni angolo, in ogni ponte, persino i muri fanno guardare. Forse ero giovane e illetterata, forse cercavo un altro bello meno italiano, ma per due volte che sono andata ho poi pensato che sara’ mai, non c’e’ atmosfera in questo luogo svenuto nel tempo e mai risvegliato. Invece adesso che ci ritorno con trentun anni passati in giro capisco il mondo e il suo stupore di fronte a questa citta’ sospesa. Deve essere sempre quella lezione del Cosmo che in questi anni mi ricorre nella vita: prendi distanza per imparare a guardare.

E’ fine pomeriggio e il sole sta tramontando, sembra un regalo, ovunque guardi ti prende il fiato. Cammino di corsa per le sue strade strette e affollate, devo andare piu’ veloce del tempo, oggi non ne ho molto. Rimane un ricordo di foto storte come me e nella mente l’aperitivo da quattro euro e cinquanta con Sara che m’insegna spritz chiaro o scuro che differenza c’e’ e mi porta con se’ per Venezia, alzandomi lo sguardo verso le palafitte sui tetti di cui non so piu’ il nome. Mentre attraversiamo insieme le piazze del tango estivo, i vicoli e i ponti penso a quelli che il blog ha creato in tre anni di scrittura. Ogni vita e’ un crocevia e qui c’e’ la mia, ogni tanto e’ bello scoprire con chi la sto condividendo.

venice

venezia
venezia
venezia

venezia

venezia

venezia

venezia

Advertisements

10 comments

  1. stessi miei pensieri quando ci sono tornata questa estate…prima di andarmene dall’Italia non l’avevo trovata un granché, tornarci dopo è stata una vera esplosione di meraviglia. Mi è sembrato di stare in uno di quei libri per bambini con i disegni che escono fuori dalla pagina e tutto è perfetto

  2. Molto bella la foto del tramonto in controluce.
    Però… “trentun anni passati” ad una decina di giorni dai tuoi (nostri) trentadue? Questo sì che si chiama arrotondare.

    • Valerio sai che noi bilancia siamo precise e equilibrate, posso mica dire trentadue se ne ho ancora trentuno… tu comunque sei piu’ vecchio di me, si vede tra l’altro. come festeggi?

      • Viaggio a Londra, per la prima volta.
        Comunque l’equilibrio della bilancia si consolida col tempo, si vede che sei più giovine di me coi tuoi grilli per la testa!

      • thehehe 😀 bello a londra! io saro’ ad asti invece, pensa un po’. si vede che per mantenere il mondo in equilibrio uno di noi deve stare in italia, l’altro in uk.

Say what you mean.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s