Into the white

Al mare non ci penso mai, ma quando succede mi fa una sorpresa nella testa. Adesso a letto con gli occhi un po’ chiusi mi torna il ricordo ma fatto di tatto: la sabbia sui piedi, la pelle bollente, l’unto luccicante sulle dita.

Penso al mare per contrasto a questo destino di montagna e vento, la distanza tra le onde sulla spiaggia e noi qui a guardare una salita infinita. Il mare che per la montagna e’ il metro che dice al mondo quanto sei salito.

La prima dell’anno 2014 si chiamava Sgurr an Iubhair e l’ultimo mare caldo che ho sentito era in Grecia nel 2010, sull’isola di Paros. Il primo dell’anno non faceva troppo freddo e camminavamo dentro un sentiero di fiume, tra le rocce e l’acqua che scendeva a valle.

inizia il cammino

inizio cammino

Piu’ salivamo e piu’ l’erba diventava neve, prima calzini e poi una coperta. In cima era tutto cosi’ bianco che non si capiva piu’ dove finiva il cielo e dove incominciava la montagna, era come un paradiso nel freezer, noi persi nel bianco come due sofficini.

meta' del cammino

Mont delle nevi

La luce e’ sempre quella che sul mare fa le scintille, me la ricordo dalla spiaggia quel giorno anche se oggi non sembra neanche vero che un altro posto esista, o un altro tempo.

impronte

Explorer Mac

Mont-aineering

snow

La giornata corta si restringe sotto i nostri piedi ed e’ venuta l’ora di tornare a valle. Questa foto ritrae quello che Colin ha visto un attimo prima che mi acquattassi e scendessi giu’ per il pendio come una slitta umana, pensando che fosse una buona idea quella di accorciare il percorso facendolo via chiappa. Se avete pantaloni impermeabili non ripetete il mio gesto a meno che non vogliate accelerare come su un toboga di neve e rocce. Senza freni, senza cervello, con due lividi blu come ricordo.

la discesa

Perche’ non mi chiamo Riru Mar.

Advertisements

12 comments

  1. un po’ mi impensierisco a vedervi salire così soli soletti, ma poi penso che avete dietro l’ impianto di cabinovie e un bel bar, cioccolata calda e ristorantino ….d’ alpeggio, e sto tranquilla !

Say what you mean.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s