I mutamenti del giovane Colino

Quando l’ho incontrato non sapeva neanche cosa fosse , un espresso. Mi ricordo che annusava il caffè della Moka come un gatto sospettoso e ogni tanto ne provava un sorso, poi tornava al suo thè con latte e zucchero da britannico ignaro. Quest’uomo che a ventiquattro anni aveva bevuto il caffè due volte oggi ordina espresso doppio lasciando lo zucchero al bancone. Non ha ancora chiesto un caffè d’orzo in tazza grande o un cappuccino chiaro, ma il giorno che gli hanno servito una brodaglia di americano in una piccola tazzina spacciandolo per espresso ha fatto la faccia che solo un italiano.

Quando andavamo a prendere l’aperitivo e io divoravo tartine con burro e acciuga come una persona che non mangia da tre giorni lui guardava inorridito quel pesciolino puzzolente (l’acciuga, non io naturalmente). Adesso le addocchiamo in sincronia sul piattino e si sente la musica di Sergio Leone in sottofondo, solo uno dei due avrà la meglio.

Recentemente il giovane scozzese ha subito un ulteriore mutamento che ha portato grande scompiglio nel frigo di casa. Dopo anni a guardarmi con pietà senza capire la mia dipendenza e portarmi in giro per Glasgow in ogni drogheria italiana alla ricerca del Santo Grahal, anche lui è finito nella zuccherosa rete della bevanda più amata dagli espatriati. In Italia la mattina mi chiedeva se per favore andavo a prendergliene uno, la notte all’una lo vedevo tornare dalla cucina con un barattolino in mano e ora che siamo tornati l’altro giorno mentre guidava si è girato di scatto verso di me chiedendo: cos’era quel rumore?! Sembrava rumore di Estathe.

Proposito per il 2014: convertire Colin al concetto italiano di cioccolata calda.

20140102-180538.jpg

Advertisements

19 comments

  1. ennò Mont, la bevanda più bramata dagli italiani all’estero è il cappuccino vero! cazzo, con tutto il té che si bevono questi albionici, non mi pare il caso di fargliene scoprire un’altra variante!

  2. Anche io ho la stessa esperienza. Convertire Maiko all’espresso è stata una vera gioia…
    Ma tu invece? Non dirci che non hai preso anche tu qualche sana abitudine alimentare scozzese.

Say what you mean.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s