Avventure in Campeggio

Questo weekend siamo andati in campeggio. Saliamo e scendiamo le scale trasportando zaini di roba, piumone e cuscini, delle tenaglie lunghe un metro che abbiamo trovato una volta in un bosco. Durante il trasporto incontriamo il vicino che ci racconta di quando era giovane e andava in bici, e una volta ha messo la tenda e la mattina dopo si e’ accorto che era su un ruscello, e di quando una tempesta di lampi gli ha ricordato casa, nella stagione dei monsoni.

Stipiamo la macchina e partiamo verso la nostra destinazione: Bridge of Orchy. Oggi il cielo e’ grigio e non riflette i colori, mi sembra un quadro a luce spenta. In un posto trovo un’atmosfera.

on the way to Bridge of Orchy
on the way to Bridge of Orchy
Arrivati a Bridge of Orchy
Arrivati a Bridge of Orchy

Siamo arrivati e troviamo il nostro angolo di paradiso, noi che in paradiso c’e’ un fiume e vicino terra asciutta. Piantamo la tenda come un fiore senza radici, legata al suolo dalla promessa di restarci, otto picchetti e quattro dita incrociate.

Casa
Casa

Una volta sistemata l’abitazione andiamo a esplorare i dintorni. L’acqua ha scavato nelle rocce come il coltello nella Nutella quando lascia sentieri rotondi e morbidi, c’e’ armonia in questa erosione. Io e Colin riempiamo gli spazi coi nostri corpi e saltiamo tra i sassi sull’acqua, ma arriva la pietra che mi ferma il passo, c’e’ un po’ di rischio di scivolare. Chiedo alla mia paura di spostarsi un po’, vorrei provarci ma ogni volta mi ferma, e’ come un muro, ci sbatto contro e rimango qui, dall’altra parte. Per aiutarmi Colin si allunga e poi, eroico, finisce in acqua, in questo fiume che e’ cosi’ freddo che da trent’anni ne sembra cento, sulla sua faccia tutte le rughe di un mondo freddo. Pero’ che bello, sono passata! E andiamo insieme ad esplorare questa cascata.

Spot the Colin
Spot the Colin
Spot the Mont
Spot the Mont
Buchi nell'Acqua
Buchi nell’Acqua
Acquaforte
Acquaforte

Torniamo al campo, sembra preistoria: Colin fa il fuoco, io taglio verdure per cena. Mangiamo spiedini vegetariani, funghi ripieni di formaggio, patate al cartoccio col tonno. Per vedere cosa succede buttiamo anche un uovo nel falo’.

Das Experiment
Das Experiment

E’ ora di andare a dormire, ci rifugiamo in tenda. Questa tenda ce l’ha imprestata un giorno un amico che forse pensava di riceverla indietro. E’ una tenda italiana senza pretese, impotente di fronte alla pioggia scozzese che inizia a cadere sempre piu’ forte appena ci sistemiamo al riparo. Non fa freddo ma il tempo fuori e’ davvero selvaggio, il vento ulula e piove sempre di piu’, inizio a pensare che la tenda volera’ via, si tratta di una concreta preoccupazione visto che ogni volta che il vento soffia la tenda si flette cosi’ tanto che le sue pareti mi toccano, sembra un sudario. Posso seguire i movimenti del vento a seconda della provenienza della tenda, che mi copre prima da sinistra e poi mi attacca partendo dai piedi. Passano ore in cui mi rigiro e ignoro la voce della vescica che sussurra, declama e poi grida PIPI’. Alle due e mezza mi alzo, indosso i vestiti bagnati e puzzolenti di fumo, esco. Le scarpe le avevo lasciate fuori, indossarle e’come infilare il piede nel water. Al mio ritorno Colin in preda al delirio da campeggiatore urla con gli occhi iniettati di sangue che non ho chiuso bene la tenda ed e’ tutto bagnato! La sua espressione disperata da tragedia greca ottiene il risultato di farmi ridere tantissimo. Alla fine in qualche modo riusciamo a dormire, siamo lombrichi nel sottosuolo.

La Scarpa
La Scarpa

La mattina ancora piove, abbandoniamo il campeggio e i progetti di scalare una montagna. Solo una cosa ci puo’ salvare da questo mondo umido e ostile.

Caffe'!
Caffe’!
Advertisements

22 comments

  1. So che hai mangiato gli spiedini vegetariani pensando un po’ a me … Bellissima la foto ‘Spot the Colin’, comincia una serie di foto così, poi ci fai un video di tutti i posti dove andate e diventate famosi!

  2. Che posto, davvero un paradiso…pioggia a parte.
    Eppure a guardarla non sembrerebbe malaccio la vostra tenda…forse per le tempeste scozzesi serve ben altro però.
    Complimenti per la cena, da leccarsi i baffi! Noi in campeggio andavamo avanti con scatole di tonno e fagioli, pasto ottimo ed abbondante per la truppa consumato a tenda rigorosamente chiusa per non essere derisi dai vicini iperattrezzati con fornellini e caffettiere 😀

  3. Io sono stata solo una volta in tenda, con Bertolina e Sartoris… ha diluviato una settimana di seguito… Però mi piacerebbe che te lo raccontassero loro com’è andata e quali sono state le mie reazioni… 😉

  4. ahahah, approccio geniale alle intemperie! vorrei che me ne passassi un po’, visto che io, anche solo per il vento o la mancanza dei raggi del sole diretti sulla mia faccia, non ho mai voglia di uscire!!
    cmq la sensazione ignobile di indossare le scarpe quando sono fradice la conosco. massimo rispetto per te!

  5. Non avendo lo stesso spirito d’avventura nln sarei sopravvissuta a quel temporale e a quell’umidita’.
    Pero’ ho invidiato il vostro gustoso menu’.

  6. riru&colin, you rock! L’azzardata escursione alla faccia delle intemperie notturne e gli intrepidi tentativi di cucina con mezzi primitivi fanno di voi dei piccoli eroi del camping fai-da-te ;)!

  7. …bella la vostra avventura!! Anche a me piace tanto andare in giro con la tenda…ancora non l’ho fatto qua in Inghilterra pero’! Ti consiglio di usare sacchetti di plastica dove infilare i piedi prima di metterli nelle scarpe bagnate…l’ho usato tante volte!! 😉

Say what you mean.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s