A Glencoe

Diventa venerdì dopo giorni di eventi, oggi ripenso lo scorso week end.

E’ il compleanno di Colin e andiamo in viaggio per festeggiare, ma le parole non funzionano per questa destinazione. Come faccio a dirvi di quando si apre la strada e attraversi la bellezza fatta a luogo, e senti tempestare il sentimento, e che ogni pietra ha un senso. Forse è il posto più bello del mondo, per quello che fa alla mia pancia, o per come mi riempie di acqua il cuore.

Eccoci in viaggio, diretti a Glencoe.

in macchina
in macchina
Mont e Mac
Mont e Mac
on the road
on the road
on the way to glencoe
on the way to glencoe
verso glencoe
verso glencoe

Una giornata bellissima di sole, una pausa a comprare i calzini, la macchina parcheggiata su un belvedere e poi noi, diretti alla montagna.

Questo posto si chiama The Lost Valley. per raggiungerla si sale e scende, si attraversa l’acqua sulle rocce e si arriva alla valle, distesa tra le montagne. Capisco perché si chiama valle perduta, sembra dispersa nel tempo, come un salotto di dinosauri. Non è questa la destinazione: qui ci fermiamo per una sosta, poi continuiamo a salire.

lost valley
lost valley

Sulla montagna si scivola, lei ti ritorna giù. Ai modi di dire è restituito il senso: difficile come scalare una montagna, perché ogni passo è uno sforzo, ogni centimetro una conquista. Il mio cervello è una fucina di autoaiuto, la cima un miraggio, le mie ovaie un nemico al confine.

Top
Top
mont snow
mont snow

Sono vestita di cose imprestate, gli appigli si ritraggono, provo scoramento per l’impresa. Il ritorno mi tenta come un serpente. Alla fine alla cima non ci arriviamo per un soffio, sconfitti dal mio peso, che cade nella neve e scivola giù dal pendio ghiacciato. Meritiamo lo stesso una ricompensa, la sera al King’s House, fatta di birra e steak pie, biliardo e Glenmorangie.

kings house
kings house

La mattina dopo è di gloria, un altro sole che ci attraversa la strada, la conferma di un altrove che è casa, per il mio corpo che combacia con questi spazi, quelli che si vedono nell’ultimo James Bond. E il cielo che cade ai lati della strada.

rannoch road
rannoch road
rannoch
rannoch

Prima di rientrare scaliamo un’altra montagna, il Cobler, vicino a Glasgow, che Colin dice è una cosa facile, lo fanno le nonne.

cobler path
cobler path
cobler
cobler

cobler è facile mont

Le nonne gatto delle nevi.

Advertisements

22 comments

  1. Io pure sono innamorata di Glencoe, non ho scalato nessuna montagna ma condivido il fatto che sprigiona sentimenti forti dentro. Spero che dopo tante scalate oggi tu non sia troppo dolorante per passeggiare in centro! Ci vediamo dopooooo!

  2. Mi mancano tanto le montagne…e con queste foto mi hai fatto venire voglia di scalarne una!! Ma qua non ce ne sonoooo!!! Che bello!! Non vedo l’ora di poter venire in Scozia!!

Say what you mean.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s