I speak computer

La prima settimana di lavoro ha portato nella mia vita informazioni preziose e inaspettate che hanno rivoluzionato il mio approccio alla tecnologia, fino ad oggi basato in larga parte su superstizione e credenze di natura irrazionale.

Ti prego funziona.

Ho scoperto cosa risiede all’interno di un computer, ho visto una scheda madre e sono venuta a conoscenza dei segreti meccanici-numerici che fanno funzionare il mondo. Accolgo tutte le informazioni con diligenza e impegno e provo l’ebbrezza di capirle per un secondo, prima che si trasformino di nuovo in leggenda.

Mi sento l’iniziata di un mondo logico ed equilibrato, dove ad ogni bit corrisponde 1 o 0, in un sistema binario dove tutto e’ si’ o no, semplicemente complicato. Le prime settimane sono di training, per questo il mio collega mi accompagna nel computer labirinto e mi mostra come funziona. Sto imparando che non si tratta di un sistema corruttibile o minacciabile, ma di una macchina calcolatrice programmabile, impermeabile a esoterismo e sotterfugi.

Troubleshooting.

Cioccorruzione.

Sono contenta di scoprire queste cose nel dettaglio e usarle per guardare il mondo in modo diverso, piu’ consapevole.

Ma non rinuncio alla mia abat-jour.
Advertisements

Say what you mean.

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s